Perché scegliere Coopfidi?

Oltre la tecnocrazia, il rapporto tra le persone.

Come? Abbiamo realizzato un luogo fisico e virtuale insieme in cui i nostri clienti/utenti hanno diritto di accesso e spazio di lavoro. Il servizio funziona in abbonamento annuale. 

 

I canali Coopfidi.
Futuro garantito? Qui, qui e qui!

Fisico. C-Lab
Un nuovo modo di intendere il lavoro di sportello, informale, senza ‘sportelli’, in modalità co-working.
Qui vale il valore empatico della relazione, quello che entra nelle pieghe dei problemi e si pone l'obiettivo di risolverli.

Virtuale. Coopfidi Web
L’ideale completamento del rapporto avviato nel Lab in nome dell'efficienza e della semplicità che segue ogni cliente/utente fino nel privato dell'attività e della casa.
Un canale dedicato al racconto dei casi di successo, a dare voce all'esigenze del corpo associativo, a raccontare in forma narrativa prodotti e servizi, a diffondere e promuovere il calendario di eventi e cigli formativi organizzati da Coopfidi.

A chi parliamo e chi vogliamo parli di noi. Chi anima la nostra comunità.

Referenti Istituzionali.
La nuova missione Coopfidi diventa un contenuto plug-in per le Istituzioni che devono rinnovare il proprio rapporto con gli assistiti.

Referenti mondo associativo
Diventare leva di innovazione per CNA e riferimento virtuoso per le altre associazioni in generale.

Referenti mondo bancario
Rappresentare tutto quello che le banche non dicono e non fanno. La vera alternativa alla finanza e al credito 'ufficiale'.

Imprenditori di successo
Coinvolgere le case histories virtuose in un ruolo di coaching per il corpo dei propri utenti in cambio di una visibilità 'etica'.

Vogliamo tornare a pensare al nostro lavoro come una missione in grado di andare oltre la mera garanzia del credito e creare valore per l'impresa.

Abbiamo scelto un nuovo slogan per ripartire che pone la parola ‘futuro’ al centro del nostro lavoro. Per farlo c’è bisogno di tornare a pensare al mercato come comunità di persone e di storie, di individui che si riconoscano reciprocamente, una comunità di senso, come l’abbiamo definita, nella quale sia chiaro che il senso collettivo del convivere e lavorare sia legato da valori comuni centrati sulla dignità sociale e su una cultura del lavoro condivisa. In una comunità di senso le persone operano per il proprio sostentamento come è ovvio, ma al tempo stesso per costruire almeno in parte un capitale comune in grado di proteggere mutualmente la possibilità di ognuno di reinventarsi, crescere e durare nel tempo. Noi ci metteremo ricerca, impegno e competenze perché le basi su cui ricostruire questa idea di unità siano quelle adatte a confrontarsi con scenari e mercati in continua trasformazione. Possiamo tornare a parlare di futuro. Garantito!